STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
una cena a trefesta della donnain gruppoLa sorella di mia mammala commessa poi moglieSeduti in cerchiola troia e il cornutoIo e mamma
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

culona nera
ieri sera tornando a casa mi ero arrapato mentre ripensavo all'ultima scopata fatta con la mia ragzza prima che ci lasciassimo, lei è una ragazza non molto alta circa 1,65 m però ha un culone che ti fa sborrare solo a guardare (o meglio a me fa quest'effetto) ha la cellulite e di seno porta una 4° la classica ragazza non molto bella ma che ti fa arrapare come un cane.
sulla via di casa trovo una ragazza di colore ma non era una zoccola dalle mie parti non c'è sono lei era una ragazza appena arrivata in città e in giro la si vedeva poche volte.
Però era una bella ragazza diciamo che superava l'1,70 aveva un culo grosso presumo con la cellulite e due tette che fan provincia credo una 6°, mi fermo e decido di darle un passaggio, sapevo dove abitava e le dissi se voleva un passaggio lei non capiva l'italiano parlava solo francese ed io per fortuna ho fatto il linguistico così le parlai in francese ma lei non accettò il passaggio chiusi il finestrino e feci per andarmene ma appena feci una decina di metri sentii la donna urlare, guardai lo specchietto retrovisore e vidi che le si era rotto il tacco ad una scarpa cosi mi fermai e lei questa volta accettò il passaggio.
Io ero ancora arrapato per il ricordo della scopata e mi arrapai ancora di più a vedere quella donna con un culo cosi arrapante che entrava in macchina mia, dopo 5 minuti mi accorsi che lei guardava la patta dei miei pantaloni che erano rigonfii e così mi vergognai un po perchè pensavo che la ragazza pensasse che io mi ero arrapato per lei (anche se in parte era così) cosi ruppi il ghiaccio e le domandai in francese da dove venisse lei mi rispose che era del senegal e che era arrivata in italia per motivi economici, e via via mi spiegava i suoi problemi, ma io non la stavo a sentire guardavo le sue tettone dallo specchietto e mi arrapavo sempre di più, e lei se ne accorse e mi disse, "perchè mi guradi le tette?" "ti faccio arrapare?" "pensi che sono una zoccola?" io negai ma lei era arrabiata ma poco dopo mi disse, "infatti lo sono e subito" mi si fiondò sul cazzo che stava esplodendo nei pantaloni lo prese in bocca nella sua grande bocca e e mi fece un pompino da paura e venni quasi subito, però io volevo il suo culo e così andai verso il bosco, in una stradina poco trafficata, scendemmo dalla macchina e la mesi a 90° per leccargli la figa che era gia bagnata i suoi umori avevano un ottimo sapore e poco dopo le ficcai il mio cazzo nella sua figa e cominciai a stantuffarla davanti, lei comincio a godere e mi disse "più forte spingi ti prego spingi fammi godere" io non persi tempo e spinsi più forte che potevo ma appena stavo per venire mi fermai e le dissi "voglio il tuo culo" lei mi disse "prendi tutto quello che vuoi" "ma ti prego fammi godere puoi sborrare anche dentro" a quel punto leccai il suo buchino fino a farlo dfilatare un bel po, poggiai il mio cazzo e le chiesi"posso?" e lei "sfondami ti prego" non me lo feci ripetere e così fu prima entrai piano e lei emise un gemito di dolore misto a godimento e a quel punto cominciai spingere finchè non stavo per venire e dissi "vengo sto venendo..." e lei "si si ti prego dentro, dentro" spinsi un altro po e poi sborrai tutto nel suo culo e lei dopo mi prese l'uccello e me l'ho pulì per bene.

dopoquesta scopata ci siamo rivisti altre volte, io gli insegnavo l'taliano e lei mi dava il culo

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 111): 6.02 Commenti (9)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10